Sito Ufficiale - Stefano D'Orazio

Vai ai contenuti
12 ottobre 2020

Eterno Manuel,
è già trascorso un anno da quando sei andato via e, che te lo dico a fa’, … ci manchi!

Nel frattempo sono successe tante cose, ma a dirti la verità ….non ti sei perso un granché.
Praticamente è stato un anno irripetibile (ci auguriamo): è arrivato un Virus che ha fatto strage in tutto il pianeta come nei film di fantascienza e ci ha cambiato il modo di vivere, ma conoscendoti, da lassù non ti sarà sfuggito niente e avrai visto che l’unico modo che ad oggi abbiamo creduto utile, per difenderci dal contagio, è stato l'isolamento con tutto quello che ne consegue: niente assembramenti e quindi niente di tutto quello che fa “gente” e i teatri, tutti tristemente chiusi, sono stati i primi ad essere stati penalizzati dalle circostanze e saranno forse gli ultimi ad essere riaperti.
Avrai visto che tutti i tuoi colleghi stanno a casa in attesa di tempi migliori, ma l’attesa, e tu lo sai bene, non può durare troppo a lungo soprattutto perché i tuoi tipi di “spettacolo” come mi dicevi spesso, non hanno nessuna “tutela sociale”, quindi o sali su un palco e lavori, o ….. niente.
Proprio così!
Hai visto che sfiga, sono state cancellate manifestazioni, spettacoli, commedie, concerti, musical e anche la tua “commemorazione” è saltata lasciandoci qui a ricordarti ognuno davanti al proprio computer affidando alla “rete” i nostri pensieri più profondi e scorrendo le foto dei nostri momenti migliori lasciandoci andare a qualche lacrima silenziosa.
Chissà se c’è un Teatro là dove sei adesso? Sono sicuro di si e li ogni sera, di sicuro metterai in scena uno dopo l'altro tutti i tuoi spettacoli, tanto lassù il tempo non ti manca.
Comunque tu sei qui anche se non ci sei, e il ricordo di tutto quello che ci hai insegnato, dall'umiltà alla professionalità, è sempre un viatico che incoraggia tutti i nostri amici a non mollare.
Il prossimo anno, “quando tutto sarà finito e torneremo a riveder le stelle" sono sicuro che la tua brillerà più forte delle altre e che i tuoi fedelissimi, potranno organizzarti una festa di quelle speciali.
Ti voglio bene.
Stefano D’Orazio
PS:
Siccome sono sicuro che lassù ti sarai già conquistato l’amicizia di qualche santo, magari fai dire al Capo, se ci può dare una mano……


Rinascerò - Rinascerai



Ascolta il brano
Guarda il video
Ascolta il brano
RINASCERO' RINASCERAI
00:00
00:00
00:00
«Dopo aver visto in televisione le immagini dei camion dell’esercito che trasportavano le salme dei miei concittadini» racconta Roby «sono stato travolto dall’emozione, il pianto e la rabbia mi hanno portato al pianoforte e in pochi minuti è nata la musica e il titolo di “Rinascerò, rinascerai”. È stata un’ispirazione e un bisogno immediato, sentivo che dovevo fare qualcosa, in particolare per la mia città, così duramente colpita… Ho chiamato Stefano chiedendogli di affiancarmi nel progetto e affidando a lui il testo, che esprime perfettamente quello che ho provato, un matrimonio perfetto tra musica e parole».
«Qualche giorno fa Roby mi ha chiamato con la voce rotta dal pianto» prosegue Stefano «tra un respiro e un silenzio mi ha raccontato della straziante visione alla quale aveva appena assistito… mezz’ora dopo stavo già cercando le parole più adatte a vestire la sua musica, parole di dolore, di fiducia, di riscatto. Bergamo è la mia seconda città, una città che mi ha adottato, mi ha accolto e dove ho trascorso i miei migliori anni di lavoro. “Rinascerò, rinascerai” vuole essere un semplice modo per fare anche noi la nostra piccola parte: questo noi sappiamo fare, la Musica, per un inno al futuro di una città ferita che “quando tutto sarà finito, tornerà a riveder le stelle” »...

Ultimo aggiornamento 19 Ottobre 2020 ore 12:00
- nuovo capitolo aggiornato



Sarà, inoltre, possibile fare donazioni spontanee sul conto corrente dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo  IBAN: IT75Z0569611100000008001X73 causale: Progetto Rinascerò, rinascerai SEGUITO DA NOME, COGNOME E CODICE FISCALE

TUTTE LE DOMENICHE SU QUESTO SITO

“CONFESSO CHE HO STONATO”

Un capitolo a settimana per rivivere tutte le disavventure che hanno affollato la vita di D’Orazio.  

<
>
COPYRIGHT
Diritto d´autore e proprietà intellettuale.
Tutto ció che é riportato su questo sito web, documentazione, contenuti, testi, immagini, il logo, il lavoro artistico e la grafica sono protetti dal diritto
d´autore nonchè dal diritto di proprietá intellettuale. Sará quindi assolutamente vietato copiare, appropriarsi, ridistribuire, riprodurre qualsiasi frase, contento o immagine presente su questo sito perché frutto del lavoro e
dell´intelletto dell´autore stesso.
É vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
É vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall´autore.

Copyright © 2018 - 2020 · Stefanodorazio.it by AGwebART · all rights reserved.
Biografia link
Musical link
Pooh link
Produzioni link
Libri link
Media link
Media link
Stefano D'Orazio
Media link
Il nuovo Sdo Store
Torna ai contenuti